mercoledì 14 settembre 2016

WWW ... Wednesday #5

Buon pomeriggio Whispers, in bocca al lupo a tutti voi che avete iniziato la scuola, in bocca al lupo a tutti noi che siamo nel pieno della sessione di settembre, teniamo duro. Io sfortunatamente trascorro le mie giornate sui libri universitari, le letture procedono a rilento ma tra una settimana finalmente avrò più tempo per voi. In questa breve pausa dallo studio ho pensato ad un brevissimo post per salutarvi, infatti dopo qualche settimana torna l'appuntamento del mercoledì più caro ai book-blogger: WWW...Wednesday, tre semplici domande che possono far scoprire ai lettori nuovi interessanti titoli.


Cosa stai leggendo? "Central Park" di Guillaume Musso, per la prima volta mi sono avvicinata al mondo del thriller, genere che prediligo più sul grande schermo. La storia mi sta prendendo, lo stile non mi fa impazzire, ma la tensione ed il mistero compensano e non vedo l'ora di sapere tutta la verità. Spero continui a tenermi sulle spine e mi stupisca col finale.
Cos'hai appena finito di leggere? "The Program" di Suzanne Young, finalmente ho iniziato questa serie molto amata, e devo dire che i tanti elogi letti sul web sono meritatissimi. Solitamente il primo romanzo di una saga deve preparare la strada al seguito, non sempre resta nel cuore dei lettori, questa volta già il primo libro mi è piaciuto moltissimo. Non vedo l'ora di leggere il seguito.
Cosa leggerai prossimamente? "Antiche voci da Salem" di Adriana Mather è uscito a fine agosto, ed è stato subito colpo di fulmine, l'ho ordinato ieri sera e spero mi arrivi presto. Ho bisogno di una lettura intrisa di magia, atmosfere gotiche e quel pizzico di horror che è perfetto per la stagione autunnale oramai alle porte.

Aspetto le vostre risposte.

sabato 10 settembre 2016

Specchio specchio delle mie brame... (Settembre)

....Quali sono i libri più desiderati del reame? Buonsalve Whispers, come state? A me potrebbe andare meglio, sono passate dalle giornate fatte di sole, mare e spiaggia alle giornate trascorse sui libri universitari, ricominciare è dura. Settembre è un mese dal retrogusto dolce amaro, non tra i miei preferiti, è il mese del disincanto, la bella stagione volge al termine e si riprende la quotidianità. Una nota positiva di questo mese, però, sono le uscite in libreria, lasciatemi dire che mesi così ricchi non si vedono sempre. Ho selezionato le pubblicazioni che più mi hanno colpito. La maggior parte di questi titoli sono finiti nella mia WL, ho l'acquolina in bocca e voi? Fatemi sapere quali romanzi vi ispirano. Prima di lasciarvi alla carrellata di libri vi comunico che la seconda parte del video wrap-up arriverà prestissimo, e dal 23 settembre ne vedrete delle belle.

1 Settembre
La piccola libreria di New York di Miranda Dickinson
Quando il suo ragazzo la lascia per l’ennesima volta, Bea James, proprietaria di una libreria a Brooklyn, prende una decisione. Basta uomini, basta cuori infranti, basta dolore. Il suo lavoro le piace e i libri l’hanno sempre salvata, l’importante sarà riuscire a stare lontana dall’altro sesso. Jake Steinmann, uno psichiatra che viveva a San Francisco, è pronto a ricominciare, dopo la fine del suo matrimonio. D’ora in poi ci sarà un unico amore nella sua vita: New York. Bea e Jake si conoscono a una festa in cui sono gli unici single, e quando parlano si trovano d’accordo su una cosa: nessuno di loro due vuole avere alcun genere di relazione sentimentale. Ma la città ha altri piani per loro… 


L'uomo che inseguiva i desideri di Phaedra Patrick
Da un anno, ogni mattina, Arthur Pepper si sveglia alle sette e compie con esattezza gli stessi gesti. Si veste seguendo un ordine preciso, mangia una fetta di pane tostato, poi alle otto e mezzo si mette a sistemare il giardino. Questo è l’unico modo per superare il dolore per la perdita dell’amata moglie, Miriam, dopo tutta una vita passata insieme. Solo così gli sembra di poter fingere che lei sia ancora con lui. Ma il giorno del primo anniversario della sua scomparsa, Arthur prende coraggio e decide di riordinare gli oggetti di Miriam. Nascosta tra gli stivali, vede improvvisamente una scatolina. Dentro c’è un braccialetto con dei ciondoli: sono a forma di tigre, fiore, elefante, libro e altri piccoli oggetti. L’uomo sulle prime è perplesso; la moglie non indossava gioielli. Ma poi guarda con più attenzione e si accorge che su un ciondolo è inciso un numero di telefono, che Arthur non può fare a meno di chiamare subito. È l’inizio della ricerca e delle sorprese. Seguendo i ciondoli Arthur compie un viaggio che lo porta su un’assolata spiaggia di Goa che ha visto la donna giocare con un bambino indiano, a Londra da un famoso scrittore, in un’accademia d’arte dove è custodito un ritratto di Miriam da giovane, a Parigi in una raffinata boutique, in un castello della campagna inglese dove incontra una tigre, e in tanti altri luoghi che non aveva mai visitato. Un viaggio che gli fa scoprire una Miriam sconosciuta, ma che ha ancora tanto da insegnargli. E gli ricorda che l’amore è sorprendersi ogni giorno, per tutta la vita e anche oltre. L’uomo che inseguiva i desideri è un caso editoriale straordinario. 

Il condominio degli amori segreti di Livia Ottomani
I condomini sono riuniti al completo quando, nel loro palazzo alla Garbatella, arriva l’affascinante Daniele Bracci, un musicista che si fermerà lì per qualche mese. Daniele è frastornato dall’accoglienza più che calorosa. Matteo Spina, il saggio, lo recluta subito per lavorare nell’orto condominiale. Paolo e Rudy, che vivono nell’attico, pensano già a un pranzo di benvenuto. Giovanna, invece, vede in lui un fidanzato perfetto per la figlia Anita… Ma la mattina dopo, quando Matteo Spina blocca Anita per presentarle il nuovo arrivato, la ragazza ha uno shock: perché lei, quel Daniele Bracci, lo conosce bene, e dai tempi del liceo. E ha fatto di tutto per dimenticarlo. E ora? Dovrà fingere di non averlo mai visto prima? Certo, Anita non è l’unica, nel condominio, ad avere qualcosa da nascondere. Giovanna, ogni lunedì, esce vestita di tutto punto. E con una scusa sempre buona per chi le chiede dove va. E Matteo Spina? Nemmeno lui la racconta giusta. Lo sa bene Pina, la pettegola del palazzo, che dietro alle persiane spia quello che accade, e annota poi tutto sul suo diario segreto…
8 Settembre
Le regole del tè e dell'amore di Roberta Marasco
L'amore di Elisa per il tè risale alla sua infanzia. È stata sua madre a insegnarle tutte le regole per preparare questa bevanda e ad associare, come per gioco, ogni persona a una varietà di tè. Daniele, il suo unico grande amore, è tornato dopo tanto tempo. Ma Elisa ha imparato da sua madre a non fidarsi della felicità, a non lasciarsi andare mai, perché il prezzo da pagare potrebbe essere molto alto. Prima di tutto dovrà trovare se stessa, poi potrà capire se Daniele può renderla felice. Quando trova per caso una vecchia scatola di tè con un’etichetta che riporta la scritta Roccamori, il nome di un antico borgo umbro, Elisa ne è certa: si tratta del tè proibito della madre, quello che le fece provare solo una volta e che, lei lo sente, nasconde più di un segreto. Forse proprio lì, in quel borgo antico, Elisa potrà trovare le risposte che cerca e imparare a lasciarsi andare e a fidarsi dell'amore, guidata dall'aroma e dalle regole del tè…

11 Settembre
Una notte piena di stelle di  Deanna Raybourn
Londra 1920. Sul punto di iniziare una vita di rigide convenzioni come moglie di un aristocratico, Poppy Hammond ha un'unica alternativa e decide di seguirla: scappa dalla chiesa con ancora indosso l'abito da sposa, aiutata dal giovane curato Sebastian Cantrip. Si rifugia da suo padre - il suo vero padre - in uno sperduto villaggio nella campagna inglese. Tornata a Londra, però, dopo che il polverone suscitato dal matrimonio mandato all'aria si è quietato, Poppy scopre che Sebastian è scomparso in circostanze misteriose e capisce così che il giovane ha usato una falsa identità e probabilmente ora si trova in pericolo. Decisa a rendergli il favore, con l'aiuto della sua fedele cameriera personale parte in incognito alla ricerca di Sebastian, verso est, seguendo una scia di indizi. 

Flawed: Gli imperfetti di Cecelia Ahern
In un futuro non molto lontano, il giudice Crevan è a capo della Gilda, uno speciale tribunale con il compito di condurre una spietata crociata contro l’immoralità. È lui e lui solo a decidere chi è un cittadino modello e chi invece è un “imperfetto”, un essere Fallato da marchiare a fuoco con una F sulla pelle e da allontanare dalla società civile. Celestine ha diciassette anni e non ha mai avuto dubbi sul suo ruolo nel mondo: è una figlia perfetta, una studentessa perfetta, ed è anche una fidanzata perfetta. La fidanzata di Art, il figlio del giudice Crevan. Ma un giorno tutto cambia. Celestine vede un Fallato in fin di vita e sente di doverlo aiutare. D’un tratto, ciò che ha sempre ritenuto giusto non lo è più, perché la compassione è più forte. Più forte della legge e delle rigide regole del giudice Crevan. Celestine decide quindi di soccorrere il pover’uomo e quel gesto si ripercuote su di lei con conseguenze drammatiche. Allontanata dalla famiglia, arrestata e umiliata, la ragazza viene trascinata in tribunale davanti a Crevan. E proprio lui, incurante delle suppliche di Art, la condanna a essere marchiata a fuoco come Fallata. Sarà durante il processo che la strada di Celestine incrocerà quella di Carrick Vane, un ragazzo misterioso e affascinante: l’unico amico su cui d’ora in poi Celestine potrà contare. 

venerdì 26 agosto 2016

Riapre il mio canale youtube: Wrap Up - letture dell'ultimo periodo pt.1

Buongiorno Whispers, come state? Mi auguro che quanti tra voi colpiti dalla tragedia del terremoto stiano bene. Abbracciamo quotidianamente i nostri cari, diciamo loro quanto li amiamo e godiamo di ogni piccolo istante che trascorriamo con loro E' triste, ma eventi di tale entità ci ricordano quanto tutto possa cambiare in una frazione di secondo. Vi confesso che mi sento in difficoltà a scrivere un post così "futile". Perdonate la premessa e scusate se cambio registro in maniera repentina.

In quest'afoso pomeriggio di fine agosto vorrei tenervi compagnia chiacchierando con voi di un tema leggero a cui siamo molto affezionati: i libri. Ho deciso di riaprire il canale youtube "Ciak: un amore tra le pagine", è il nostro salottino virtuale nel quale chiacchierare senza freni. Il video che ho girato è piuttosto lungo, per tale ragione ho deciso di dividerlo in due parti. La qualità del video non è molto alta, ma i prossimi (fatta eccezione per la seconda parte di questo) li girerò con la nuova nikon. Ho in serbo molte cose per il questo autunno/inverno. Oggi vi parlo di due romanzi che ho letto poco tempo fa: "Il circo della notte" di Erin Morgenstern e "La libreria dei desideri" di Claire Ashby. Aspetto con ansia i vostri commenti, consigli e fatemi sapere se avete letto questi titoli o se vi incuriosiscono. Mi auguro di avervi strappato un sorriso. Vi lascio con il video.



domenica 14 agosto 2016

Recensione "Infinito+1" di Amy Harmon

Buonsalve Whispers oggi ho per voi una super recensione. "Infinito+1" è il terzo romanzo di Amy Harmon che approda nelle nostre librerie, io li ho letti tutti, l'ho conosciuta con "Sei il mio sole anche di notte" - pessima copertina e titolo terribile, non adatti all'eccezionale trama - un romanzo che mi ha fatto perdere la testa, non faccio che consigliarlo a chiunque, uno dei miei preferiti di sempre. "I cento colori del blu" è il primo suo titolo giunto in Italia, non ai livelli del successivo, lo stile è ovviamente più acerbo ma comunque da leggere. Appena ho saputo del suo ritorno nelle nostre librerie ho fatto i salti di gioia, consapevole che non è affatto semplice mantenere saldo il posto di prestigio che aveva guadagnato nel mio cuore, devo dire che non mi ha affatto delusa.

"Infinito+1" di Amy Harmon
Bonnie Rae Shelby è una superstar. È ricca, bellissima e famosa. E desidera morire. Finn Clyde è un signor nessuno. È brillante e cinico. Ma è completamente a pezzi. E tutto ciò che vuole è la possibilità di vivere ancora. Finn ha un passato con cui confrontarsi, Bonnie un futuro che non vuole affrontare. Un ragazzo, una ragazza, una strana serie di circostanze impreviste e una scelta: voltarsi dall’altra parte e ignorare ogni cosa o tendere la mano e rischiare tutto. Così, mentre il ticchettio di un orologio scandisce il tempo della scelta, inizia la loro avventura, un viaggio che cambierà per sempre le loro vite. Infinito + 1 è un romanzo romantico e struggente sulle infinite possibilità dell’amore, l’ultimo della ormai consacrata e amatissima autrice Amy Harmon.

Recensione
Bonny Ray Shelby è una cantante country di successo, è bella, sorride alle telecamere, quando però i riflettori si spengono si toglie la maschera della super star, lo specchio nel camerino mostra il riflesso di una ragazza che vive in una prigione dorata. Bonny è sola, infelice, pedina nelle mani di una nonna che amministra tutti i suoi guadagni, e che le ha impedito di stare accanto alla sua gemella prima che il cancro se la portasse via. In poche pagine l'autrice ci mostra la tragedia che è costretta a vivere la protagonista, ci fa toccare con mano la sua solitudine, ci conduce con lei sul ponte dove ha deciso di mettere fine a tutto. Il destino per Bonnie ha in serbo ben altro. Finn Clyde salva la sconosciuta da morte certa, inconsapevole che quella ragazza minuta con l'aspetto di un folletto, quel buffo taglio di capelli e l'aria smarrita stia per stravolgergli l'esistenza.
che lei sia la protagonista di una favola, ma non è così,
Il giovane è di recente uscito di prigione, prima del periodo trascorso dietro le sbarre ha perso il fratello gemello, ed ora vuole lasciare Boston per trasferirsi a Las Vegas, lontano dal suo passato, pronto a ricominciare. Il fato ha messo Bonny sulla sua strada, insieme intraprenderanno un viaggio che cambierà il corso delle loro vite. Insieme fuggiranno dalla polizia e dai giornalisti che vogliono sapere che fine abbia fatto la superstar misteriosamente scomparsa: sarà mica stata rapita?

La Harmon crea due personaggi autentici, due personalità dalle mille sfumature, impossibile non amarli. Bonny e Finn sono due mondi diversi che entrano in rotta di collisione, due mondi che si attraggono nelle rispettive orbite, due mondi pronti all'impatto. Questo romanzo è un meraviglioso duetto letterario, i due personaggi si alternano paragrafo dopo paragrafo, l'autrice ci racconta la storia da due punti di vista: quello di Bonnie dove utilizza la prima persona, e quello di Finn dove si serve della terza persona; dettaglio che sottolinea il loro essere diversi. 
Le origini di Bonnie si intrecciano con la storia dei nativi americani, lei ha una fede solida e crede nei segni divini, ne troverà molti lungo la strada. Finn è il suo opposto, così razionale, pratico, crede solo nei numeri, gli unici che ci sono sempre stati per lui. Mi ha lasciata senza parola il modo in cui la Harmon si è servita della matematica, la materia più odiata di sempre, ma che qui indossa il suo abito più bello. La matematica in questo romanzo diventa chiave di lettura del reale, si trasforma in poesia, in metafora della vita, delle emozioni e dei sentimenti. 
Attraverso dei commoventi flashback conosceremo i rispettivi gemelli che hanno lasciato una voragine nelle loro anime, che li hanno resi orfani della metà più bella e preziosa dei loro cuori. Due ragazzi soli, smarriti, desiderosi di trovare nell'altro l'ancora di salvezza, la ragione per cui ricominciare dopo che l'incubo ha rischiato di trascinarli nell'abisso.
Una trovata strepitosa è stata quella di voler rievocare se pure in chiave non sanguinaria la celebre coppia di fuorilegge degli anni trenta: Bonnie Parker e Clyde Barrow, la loro storia verrà ripercorsa dai protagonisti del romanzo, timorosi di andare incontro ad tragico destino com'è stato per la coppia di criminali.

L'unica pecca del romanzo è il ritmo, in alcuni capitoli incalzante ed avvincente, in altri un po' lento, ma questo è solo un dettaglio.
La Harmon ha dato vita ad un viaggio memorabile che porterà i nostri protagonisti ad attraversare gli Stati Uniti d'America, andando da una costa all'altra del paese. Ogni tappa farà palpitare i vostri cuori, ogni persona che incontreranno lungo il tragitto conserverà sempre un meraviglioso ricordo dei due fuggitivi. Questo viaggio li riporterà alla vita, li farà innamorare perdutamente nell'arco di poco tempo e farà comprendere loro che "Infinito+1=2". 
In questa coppia si incontrano e si compensano fede e scienza, istinto e razionalità.
Amy Harmon dimostra ancora una volta di saper raccontare storie d'amore da tachicardia, che tolgono il fiato, le battute finali di questo romanzo vi commuoveranno.  La Harmon spinge i suoi lettori a credere nell'amore, tramutando questo sentimento in inchiostro e parole che dona a noi.

martedì 9 agosto 2016

Into the painting #1 Ti racconto la storia di un amore tragico - Il bacio di Hayez

Buonsalve Whispers, perdonate l'assenza, ma non sto quasi mai a casa e le poche ore che vi trascorro ho la connessione che fa i capricci (fb-in). Quest'oggi voglio iniziare una nuova rubrica: io studio le discipline dello spettacolo, la materia per cui ho dato più esami è storia dell'arte, quella che durante gli anni del liceo non ho mai studiato veramente, ma che durante l'università mi ha letteralmente conquistata. Con questa rubrica non voglio annoiarvi con troppe informazioni sui quadri che più amo, vi fornirò giusto le notizie importanti, avete presente la scena in cui Mary Poppins e Bert con i bambini si tuffano nel dipinto? Ebbene io sarò la vostra Mary Poppins. Il mio desiderio, però, è quello di creare delle storie, dar voce ai protagonisti dell'opera.

Pinacoteca di Brera - 1859
Iniziamo con uno dei quadri che più amo "Il Bacio" di Hayez (Venezia 1791 - Milano 1882), commissionato dal conte Alfonso Maria Visconti al pittore della Serenissima, molto celebre nei circoli patriottici. Il conte chiese ad Hayez di rappresentare le speranze legate all'alleanza tra la Francia ed il regno di Sardegna, infatti i colori degli abiti dei due innamorati alludono alle bandiere dei due paesi. Il periodo in cui il pittore veneziano realizzò l'opera fu cruciale per la storia italiana. Dopo il congresso di Vienna l'Italia venne definita una mera «espressione geografica», e successivamente frammentata in tanti stati soggetti in modo diretto o indiretto al dominio degli Asburgo. Questo scenario delicato portò alla nascita di società segrete quali la Carboneria e la Giovine Italia, successivamente sconfitte, ma indispensabili per la nascita di un sentimento nazionaleHayez dipinse il Bacio con l'intento di celare gli ideali di cospirazione che avevano animato queste società, infatti i protagonisti dell'opera sono calati in un'ambientazione medievale, il messaggio è così ben mascherato, per sfuggire alla censura messa in atto dall'Austria.

I due giovani si baciano appassionatamente, le dita di lui affondano nella folta chioma dell'amata, in maniera vorace si ciba del suo alito vitale, vuole gustarsi per un'ultima volta il suo sapore, così dolce, così familiare. 
La fanciulla ad occhi chiusi si aggrappa alle spalle vigorose di lui, vorrebbe trattenerlo a sé, proteggerlo dal corso della storia che incalza, dagli eventi che incombono su di loro. 
Lui deve fuggire se vuole salva la vita, ha già un piede sul primo scalino, è ricercato, il nemico reclama la sua testa, come tanti patrioti è un pericolo per lo straniero che comanda in casa altrui. 
I corpi dei due sventurati amanti sono avvinghiati, lui desidera baciarle il collo, poi i seni, il ventre  che è custode di una nuova vita, di una creatura che sfortunatamente non conoscerà mai suo padre. La mano di lei scivola dal volto del giovane sul petto, si ferma sul cuore, che corre all'impazzata, che scandisce gli istanti di un atroce addio. Le dita di lui le accarezzano l'addome, un ultimo saluto al figlio di un uomo che ha sacrificato la propria felicità per una causa maggiore, per la patria.
Lui non vuole mostrarsi fragile, non può crollare, deve infonderle coraggio. Le lacrime solcano il volto della donna, le bruciano sulla pelle, lacrime che lui cattura con le labbra, il sapore salato del dolore gli scende giù per la gola, scorre per le vene diffondendosi nel corpo come veleno.
La promessa fatta dinanzi a Dio, solo poco tempo prima, si infrange dinanzi al destino di una nazione che non vuole più essere soggiogata allo straniero. Il desiderio comune di voler trascorrere la vita insieme svanisce in quegli attimi, secondi, minuti, scanditi dalle lancette di un orologio che sta per segnare la fatidica ora.
<<Non odiarmi, prova a capire perché l'ho fatto, non ho potuto restare in disparte, inerme a guardare l'avanzata nemica, ho dovuto provarci, con quale coraggio avrei incrociato lo sguardo di nostro figlio, non voglio che lui abbia un padre codardo, ma desidero che ne abbia uno di cui andarne fiero.. >> le parole sono sussurrate, appaiono come scuse alle orecchie della donna, che però non ha bisogno di giustificare le azioni dell'amato.
<<Non aggiungere altro, amo tutto di te, il tuo coraggio, il tuo amore per la nostra madre patria, la tua follia, e non temere, dirò a nostro figlio che suo padre è un eroe, e che dev'essere fiero del sangue che gli scorre nelle vene, sangue di un vero italiano.>> si sforza di sorridere, di confortarlo, non vuole parlargli del suo cuore che cade a pezzi, del nodo che le stringe lo stomaco, che le impedisce di respirare. << Non sappiamo cosa ci riserva il futuro, saranno anni duri per il nostro paese, per il nostro sventurato amore, ma non dirmi addio, dammi appuntamento a domani, un domani lontano un anno, forse due, forse dieci, ma crediamo nell'esistenza di questo domani che ci darà la forza di affrontare ciò che il destino ha in serbo per noi. >> non sa dove sta trovando la forza di dire quelle parole, ma è consapevole che entrambi ne hanno bisogno, e lei vuole lasciargli un ultimo dono: la speranza di un'avvenire che è solo l'attesa di un loro ritrovarsi.
<<Grazie amore mio, sarà solo per voi che io sopporterò l'esilio, un futuro senza di voi non vale la pena di esser vissuto, se qualcuno ora mi dicesse che non ti rivedrò, che non conoscerò mai nostro figlio, mi consegnerei oggi stesso alle guardie, niente avrebbe senso. Io credo nelle tue parole, so che dopo tanto sangue versato, la nostra patria sarà di noi italiani, e quel giorno noi saremo di nuovo insieme. Te lo prometto, quel giorno arriverà.>> La sua voce si incrina, una lacrima sfugge al suo controllo, lei la imprigiona con un dito, gli sorride un'ultima volta, sa che deve lasciarlo andare. La domestica rimasta sino a quel momento nell'ombra, testimone del loro segreto e tragico amore, annuncia l'arrivo di qualcuno.
Lui le prende nuovamente il volto tra le mani, con i polpastrelli ne segue i lineamenti, vuole imprimere quell'immagine a fuoco nella sua mente, non vuole dimenticare alcun particolare. Non vuole lasciarla andare, non può, ma è stato lui a scegliere quella sorte. << Sposati immediatamente, la tua dote fa gola a molti, non indugiare, presto la gravidanza non sarà più un segreto, promettimelo. >> è contro natura concedere la propria donna ad un altro uomo, ma è un grande atto d'amore che può salvare le loro vite. Lei annuisce, non ha la forza di pronunciare un si, si alza sulle punte e reclama le sue labbra un'altra volta ancora. Sanno entrambi che quell'ultimo bacio li tormenterà per sempre, un ricordo dolce amaro che custodiranno gelosamente per il resto delle loro vite.
<<A domani amore mio.>>
<<A domani.>>

martedì 2 agosto 2016

LookBook: ad ogni outfit il suo libro #1

Buonsalve Whispers, come state? Spero che la vostra estate stia procedendo bene, io per ora non posso lamentarmi, il Giffoni Film Festival è stata un'esperienza memorabile, prometto che vi farò un resoconto completo. La scorsa settimana sono tornata alle origini, ho trascorso cinque meravigliosi giorni nella regione in cui sono nata: la mia amata Calabria, il paradiso per chi ama il mare.
Oggi vi presento una nuova rubrica "LookBook", ad ogni numero vi mostrerò alcuni capi del mio armadio abbinati ad un romanzo, le tinte della cover richiameranno quelle dell'outfit, a volte vi consiglierò delle letture, in altre occasioni vi mostrerò romanzi presenti nella mia libreria che desidero leggere. Iniziamo subito con il mio romanzo preferito.

L'abito di Tatiana
Appena ho visto quest'abito da H&M ho immediatamente pensato "è quello di Tatiana, dev'essere mio". Ovviamente ricorda solo quello della protagonista de "Il cavaliere d'inverno" di Paullina Simons, magari trovarne uno identico. Il vestito è leggero, corto e scende morbido sui fianchi; non è il caso di metterlo in valigia poiché è un tessuto che si stropiccia facilmente. Quest'abito è adatto sia per il giorno che per la sera. Non vorrei ricordare male ma dovrei averlo pagato meno di 15 euro. La borsa è di Carpisa, non conosco il prezzo poiché mi è stata regalata.
" Un uomo e una donna che passavano guardarono il suo vestito e sorrisero. Lei abbassò lo sguardo e sorrise a sua volta. Indossava uno splendido abito bianco con le rose rosse. Gliel'aveva regalato suo padre nel 1938 quando aveva compiuto quattordici anni.(..) Ma lei aveva ancora il suo vestito con le rose color cremisi ricamate sul cotone liscio e bianco come la neve. Non erano boccioli: erano rose in fiore. Era un perfetto abito estivo. (....) Era terrorizzata all'idea che quel corpo, nel quale si sentiva sempre a disagio, crescesse troppo per il suo vestito preferito. (..) Era contenta di possedere una cosa che non fosse fatta male dai sovietici, ma confezionata con cura e romanticismo dai francesi. Chi era più romantico di loro? (....) Così quando avevano cucito il vestito per Tatiana, lo avevano riempito di promesse. Era come se avessero detto: "mettilo, chérie, e con questo vestito anche tu sarai amata come abbiamo amato noi, mettilo e troverai l'amore"
Tra fiori e giochi di prestigio
Io d'estate amo le fantasie floreali, ho l'armadio pieno di capi di questo tipo. Il vestito in foto l'ho acquistato da Silvian Heach, è l'ideale per una vacanza estiva: fresco e non si sgualcisce in valigia. L'elastico è posto a vita alta, lo scollo americano è reso meno rigido dall'apertura sul decoltè e sulla schiena. Io lo adoro. Se non vi piace il modello con la stessa fantasia potete trovare una gonna anni '50. Il romanzo che ho abbinato all'abito è "Il circo della Notte" di Erin Morgenstern, un libro che ho desiderato a lungo e che non ha disatteso le mi alte aspettative. Questo romanzo è unico nel suo genere: misterioso, intrigante, oscuro e magico; la storia d'amore è inusuale, il romanticismo si cela dietro giochi d'illusionismo che tolgono il fiato. Quest'abito è l'ideale per una serata estiva con gli amici o in dolce compagnia, una volta rientrata a casa divorerete il libro al chiaro di luna.



Una cheerleader con una lista dei desideri
Quest'outfit è tra i miei preferiti, l'ho indossato in vacanza abbinato ad un paio di converse per rendere il look più sbarazzino, una tenuta da cheerleader per una serata estiva. Il crop-top versatile e sportivo è di Stradivarius, acquistato per pochi euro; la gonna a vita alta è di Silvian Heach, potete combinarla con un top da inserirvi dentro. Il romanzo che accompagna l'outfit è "Voglio vivere prima di morire" di Jenna Downham, l'ho acquistato ad una bancarella dell'usato, era da tempo nella mia wish-list e quando l'ho visto non ho potuto lasciarlo lì. Credo possa rivelarsi una lettura intensa e difficile poiché affronta il tema della "malattia", ma mi piace l'idea che la protagonista voglia vivere a pieno ciò che le resta, già ammiro la voglia che ha di realizzare a tutti i costi i suoi sogni. Non penso di leggere questo libro nell'immediato, ma certamente il suo turno arriverà nel prossimo autunno, lo avete letto?

domenica 31 luglio 2016

Blogathon - Aspettando “Harry Potter and the Cursed Child” - Curiosità su J.K. Rowling

Quest'oggi esce nel Regno Unito l'attesissimo ottavo capitolo della saga “Harry Potter and the Cursed Child - parts I & II”, per l'occasione insieme ad un gruppo di blogger abbiamo deciso di creare per voi lettori un meraviglioso viaggio nell'universo creato dalla Rowling. In Italia la Salani pubblicherà il romanzo il 24 settembre. Passate dal post di lancio del Blogathon per non perdervi nessuna tappa: il treno per Hogwarts sta per partire, affrettatevi al binario 9 3/4.
Un nome che è diventato leggenda, una saga che ha fatto la storia, una donna che con la sua penna ha conquistato il mondo: semplicemente J.K. Rowling. Scopriamo qualcosa in più riguardo alla vita della nostra amata autrice che oggi compie gli anni, nello stesso giorno del suo figlio di carta, inchiostro e magia: Auguri J.K. Rowling, auguri Harry Potter. Vi confesso che io vorrei tanto venisse realizzato un flm su di lei, come protagonista vedrei bene Cate Blanchett.
  • Peter James Rowling e Anne Volant Rowling si sono conosciuti su un treno che partiva dalla stazione londinese di King's Cross, luogo cruciale nella saga del maghetto.
  • Scrive da sempre, all'età di sei anni ha ideato la storia di Rabbit, un coniglio malato di morbillo.
  • La Rowling trascorre l'infanzia a Winterbourne dove stringe amicizia con due fratelli: i Potter.
  • Uno degli oggetti più preziosi che possiede è una rara prima edizione di un romanzo di Jane Austen, la sua autrice preferita: "Ho letto tutti i suoi libri tante di quelle volte da aver perso il conto". I personaggi che la rispecchiano maggiormente sono Elizabeth Bennet e Jo March, due eroine coraggiose ed intraprendenti, alla seconda, ovviamente, l'accomuna la forte passione per la scrittura.
  • Il preside delle scuole elementari è stato l'ispirazione per il personaggio di Albus Silente, il suo migliore amico per Ronald Weasley ed il suo professore di biologia, con cui non aveva buoni rapporti, è stato indispensabile nella realizzazione del personaggio di Severus Piton.
  • Durante gli studi universitari non aveva molti soldi, nelle occasioni speciali regalava agli amici suoi racconti.
  • "Per Hermione invece ho trovato l'ispirazione in me stessa: Hermione è proprio com'ero io all'età di 11 anni. Certo, molto più intelligente..."
  • Dopo la parentesi portoghese, ed il divorzio avvenuto ad un anno di distanza dalle nozze, la Rowling si trasferisce ad Edimburgo con la figlia. Senza lavoro, con una bambina da crescere, si trova costretta a pagare l'affitto con gli assegni di disoccupazione. Vive un periodo di forte depressione, durante il quale nascono i Dissennatori
  • La Rowling ricorda come la stesura del primo romanzo l'abbia salvata e come (riferendosi alla figlia Jessica) "...era una sorpresa ogni mattina vederla ancora viva", convinta in quel tragico periodo che tutto dovesse andare storto.
  • Per far addormentare Jessica la Rowling le raccontava frammenti della saga ancora non scritti
  • Molte case editrici hanno rifiutato il primo romanzo etichettandolo come "fin troppo lungo". Nel 1997, una casa editrice poco nota, la Bloomsbury ha accettato il manoscritto, dando vita al fenomeno letterario più importante degli ultimi decenni.
  • Lo pseudonimo della Rowling "J,K," è stato richiesto dalla casa editrice, preoccupata che il target giovane a cui era indirizzato il romanzo, non accettasse una scrittrice donna. La K. presente nel nome è un omaggio all'adorata nonna Kathleen.
  • Albus Silente è omosessuale: "Tutti erano soprattutto interessati alla sorte di Harry, più che alla vita amorosa del suo maestro. Fino alla serata alla Carnegie Hall, dove una teenager ha preso il microfono e ha chiesto se Silente avesse mai avuto una storia d'amore. Ho risposto sinceramente: nella mia testa il personaggio era così."
  • Scrive tutti i suoi romanzi rigorosamente a mano: "Solo alla fine riverso tutto nel mio pc. Per Harry Potter e i doni della morte, le ultime quattro settimane ho affittato una stanza al Balmoral Hotel, ci andavo soltanto il giorno, come in un ufficio: se volevo un caffè bastava chiedere, mi sentivo accudita. Un modo davvero lussuoso di finire un libro."
  • Il giorno dell'uscita di "Harry Potter e il prigioniero di Azkaban" è stato richiesto alle librerie inglesi di vendere il libro ai bambini solo dopo la fine delle lezioni, così da evitare che tutti marinassero la scuola.
  • Si racconta sia stata offerta alla Rowling la parte di Lily Potter, ovviamente lei ha rifiutato.
  • La Rowling ha aiutato Evanna Lynch, interprete di Luna Lovegood, a combattere l'anoressia: "Mi disse che l'anoressia è distruttiva, non creativa, e che non avrei dovuto soccombere ad essa. Le dissi anche che mi avrebbe fatto piacere recitare e lei mi incoraggiò, ma sottolineò che per farlo avrei dovuto stare bene. Alla fine, credo che sia anche per questo motivo che sono guarita"
  • La Rowling aveva confidato ad Alan Rickman tutta la verità sul personaggio di Piton già dal primo film.
  • Tra i romanzi che ha scritto tre sono quelli che preferisce: il primo e l'ultimo della saga di
    Harry Potter, il primo le ha cambiato la vita mentre l'altro è stata la conclusione di un viaggio meraviglioso; ed infine è molto legata al "Seggio Vacante" firmato con lo pseudonimo di Robert Gallbraith perché ha sancito un nuovo inizio.
  • Ha scritto la sceneggiatura di "Animali fantastici e dove trovarli", si prevede una trilogia. La pellicola uscirà in Italia il prossimo novembre.